Ultimora

  1. Cinque per mille 2019: online gli elenchi definitivi

    Venerdì, 24 Maggio 2019

    Circa 61mila, tra vecchi e nuovi iscritti, gli aspiranti destinatari di una quota dell’Irpef. Prossima tappa, per i neocandidati, la presentazione della dichiarazione sostitutiva
  2. Forum Pa 2019: tra i premiati i buoni progetti di due Dr Entrate

    Giovedì, 23 Maggio 2019

    Le iniziative, giudicate e valutate da associazioni della società civile, rientrano tra quelle finalizzate a valorizzare l’adozione di pratiche ispirate ai principi fondanti dell’amministrazione aperta
  3. Il 10° Joint Seminar arriva a Roma e fa visita all’Agenzia delle entrate

    Mercoledì, 22 Maggio 2019

    L’ufficio Accordi preventivi e Controversie internazionali ospita giovani studiosi italiani e tedeschi nell’ambito di un incontro congiunto su temi di fiscalità europea e comparata
  4. Agenzia delle entrate-Riscossione: "Prenota ticket" per tutta la Penisola

    Lunedì, 20 Maggio 2019

    L’iniziativa rientra nel percorso di digitalizzazione multicanale avviato in questi anni per rendere più semplice e diretto il rapporto tra i cittadini e il fisco
  5. Il Mef inaugura il Forum dedicato al processo tributario telematico

    Lunedì, 20 Maggio 2019

    Avrà una durata di tre anni e i risultati dell’attività svolta saranno consultabili on line. Il coordinamento è affidato alla competente direzione del dipartimento delle Finanze

www.inps.it - News Informazioni

Inps.it - Canale news per le Informazioni

  1. Sisma Centro Italia: rateizzazione versamenti contributi sospesi

    Venerdì, 24 Maggio 2019

    Per i territori colpiti da eventi sismici nelle regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo, la legge di bilancio 2019 ha disposto che gli adempimenti e i pagamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'Assicurazione Obbligatoria, precedentemente sospesi, devono essere effettuati in un’unica soluzione entro il 1° giugno 2019, senza applicazione di sanzioni e interessi.

    Le istruzioni operative per il versamento della contribuzione sospesa, sia in caso di pagamento in unica soluzione che di versamento rateizzato, sono riportate nel messaggio del 29 aprile 2019, n. 1654.

    L’Istituto, con il messaggio 23 maggio 2019, n. 1987, provvede ora a fornire le modalità di comunicazione e gestione della rateizzione, che deve essere trasmessa esclusivamente in via telematica, direttamente dal titolare o dal legale rappresentante ovvero dagli intermediari abilitati.

    Gli utenti interessati sono quelli iscritti alle seguenti gestioni:

    • Datori di lavoro con dipendenti;
    • Artigiani e Commercianti;
    • Gestione Separata committenti;
    • Gestione Separata lavoratori autonomi (liberi professionisti);
    • Aziende agricole;
    • Lavoratori agricoli autonomi e concedenti piccola colonia e compartecipazione familiare;
    • Datori di lavoro domestico;
    • Gestione pubblica, per la sola tipologia di aziende con natura giuridica privata con dipendenti. 

    Nel messaggio vengono illustrate, inoltre, tutte le agevolazioni di natura previdenziale previste per la “Zona Franca Urbana Sisma Centro Italia”, con i codici tributo da utilizzare e le modalità di gestione previdenziale delle comunicazioni relative ai datori di lavoro privati con dipendenti da parte degli operatori abilitati.

  2. INPS su Facebook: le quattro pagine ufficiali

    Giovedì, 23 Maggio 2019

    Il dialogo con cittadini e utenti passa sempre più attraverso i canali social, anche nella Pubblica Amministrazione.

    L’INPSè presente su Facebook con quattro pagine tematiche ufficiali:

    Ognuno di questi profili è contrassegnato con una spunta grigia, indicativa dell’autenticità della pagina, che solo in questo caso è gestita direttamente dall’Istituto. In mancanza di questo requisito, si tratta di pagine fake o non riconducibili all’Istituto e possono, pertanto, contenere informazioni non in linea con la social media policy di INPS, false o prive di qualunque fondamento.

  3. Osservatorio Cassa Integrazione Guadagni (CIG): i dati di aprile 2019

    Giovedì, 23 Maggio 2019

    Pubblicato l’Osservatorio Cassa Integrazione Guadagni con i dati di aprile 2019. Il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 25.359.574, in aumento del 30,5% rispetto allo stesso mese del 2018 (19.428.073). Nel dettaglio, le ore autorizzate per gli interventi di:

    • Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria (CIGO) sono state 7.439.292, in diminuzione del 18% rispetto ad aprile 2018;
    • Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria (CIGS) sono state 17.900.680, in aumento del 78,1% rispetto ad aprile 2018;
    • Cassa Integrazione Guadagni in Deroga (CIGD) sono state 19.602, in diminuzione del 93,6% rispetto ad aprile 2018.

    A marzo 2019 sono state presentate 103.965 domande di NASpI e 1.089 di DIS-COLL. Nello stesso mese sono state inoltrate 12 domande di Mobilità, per un totale di 105.066 domande, segnando una diminuzione  del 2% rispetto a marzo 2018. In allegato all’Osservatorio sulla Cassa Integrazione Guadagni (CIG) è stato pubblicato il Focus maggio 2019 (pdf 824KB) con i dati di aprile.

  4. Pubblicato l’Osservatorio sul precariato con i dati di marzo 2019

    Giovedì, 23 Maggio 2019

    Sono stati pubblicati i dati di marzo 2019 dell’Osservatorio sul precariato. Nei primi tre mesi del 2019, nel settore privato, le assunzioni sono state 1.661.000. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente in crescita risultano i contratti a tempo indeterminato, i contratti di apprendistato e i contratti di lavoro intermittente. In evidente diminuzione risultano invece i contratti di somministrazione (-36,3%).

    La dinamica dei flussi

    Nei primi tre mesi del 2019 si conferma, rispetto al 2018, l’incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, che risultano quasi raddoppiate (da 125.000 a 219.000: +94.000, +75,5%). Un lieve incremento si registra per le conferme di rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo (+7%). Le cessazioni nel complesso sono state 1.318.000, in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: la riduzione riguarda le cessazioni di contratti in somministrazione, di rapporti a termine e di rapporti a tempo indeterminato; in crescita sono invece le cessazioni di rapporti con contratto intermittente e di contratti in apprendistato.

    Nei mesi di gennaio - marzo 2019 su un totale di 705.000 nuovi rapporti a tempo indeterminato (attivati sia con assunzioni incluso l‘apprendistato sia con trasformazioni da rapporti a termine), i rapporti agevolati risultano pari a 143.000 (circa il 20%), di cui 29.000 dovuti all’esonero strutturale giovani under 35 previsto dalla legge di stabilità 2018. Il saldo annualizzato (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi 12 mesi) a marzo 2019 risulta positivo e pari a +351.000, inferiore a quello del corrispondente mese 2018 (+537.000). Negli ultimi 12 mesi si è registrata una inversione di tendenza fra l’andamento dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato e quello dei tempo determinato; il saldo annualizzato dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato è passato da –57.000 (03/2018) a +324.000 (03/2019), quello dei rapporti a tempo determinato è passato da + 346.000 (03/2018) a –90.000 (03/2019). Anche il saldo annualizzato dei rapporti di apprendistato risulta positivo (+80.000).

    Il lavoro occasionale

    La consistenza dei lavoratori impiegati con Contratto di Prestazione Occasionale (CPO) a marzo 2019 si attesta intorno alle 19.000 unità, (stabile rispetto allo stesso mese del 2018) con un importo mensile lordo medio di 243 euro.

    Per quanto riguarda, invece, i lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia (LF), a marzo 2019 sono stati circa 10.000 (contro circa 6.000 a marzo 2018), con un importo mensile lordo medio di 247 euro.

    Dalla prossima settimana sarà possibile accedere alla versione navigabile aggiornata dell’Osservatorio, che arricchisce le informazioni presenti nel report cartaceo.

  5. Contribuzione agricola unificata per vendita prodotti al dettaglio

    Giovedì, 23 Maggio 2019

    L’articolo 1, comma 700, legge di bilancio 2019, nel confermare che gli imprenditori agricoli possono vendere al dettaglio i prodotti agricoli e alimentari, ha modificato l’articolo 4 del decreto legislativo 228/2001, specificando che i prodotti possono anche appartenere a uno o più comparti agronomici diversi da quelli dei prodotti della propria azienda.

    Questa attività non fa venire meno i requisiti per la definizione agricola dell’azienda e, pertanto, con la circolare INPS 22 maggio 2019, n. 76 si forniscono chiarimenti in merito ai riflessi sul corretto inquadramento, ai fini dell’assoggettamento a contribuzione agricola unificata, dei soggetti che vendono direttamente al dettaglio. Sono indicate, inoltre, le modalità di compilazione del modello Denuncia Aziendale (DA).

Diritto e Giustizia

Articoli Diritto e Giustizia - Lavoro

  1. Qual è il termine di decadenza per impugnare se il datore di lavoro non aderisce alla richiesta di tentativo di conciliazione?

    Venerdì, 24 Maggio 2019

    Ai sensi dell’art. 6, comma 2, l. n. 604/1966, come modificato dalla l. n. 183/2010, l’esito negativo del componimento stragiudiziale di cui all’art. 410 c.p.c. è determinato dall’immediato rifiuto della controparte di intraprendere la procedura conciliativa, al quale è equiparata la mancata adesione entro il termine di legge. Dal rifiuto espresso del datore di lavoro, comunicato al lavoratore, decorre il termine di decadenza di 60 giorni per il deposito del ricorso giudiziale, senza che sia necessaria alcuna comunicazione al lavoratore della chiusura della procedura ex art. 410 c.p.c..
  2. Nulla la notifica della cartella esattoriale nelle mani del portiere senza la prova circa l'assenza degli altri destinatari

    Giovedì, 23 Maggio 2019

    Nell’ipotesi di notifica nelle mani del portiere, questa si considera nulla quando l’ufficiale giudiziario non dia prova dell’assenza del destinatario e delle vane ricerche degli altri soggetti espressamente indicati nell’art. 139 c.p.c..
  3. Lancia un pezzo di legno contro un collega: fatto non sufficiente a giustificare il licenziamento

    Giovedì, 23 Maggio 2019

    Vittoria per il lavoratore finito sotto accusa: riconosciuto il suo diritto ad essere reintegrato in azienda. Per i Giudici l’episodio incriminato non è davvero grave, anche perché il lavoratore preso di mira non è stato colpito, e comunque può essere visto come un mero gesto dimostrativo di protesta.
  4. Agli infortuni avvenuti prima del 2019 si applica il criterio del calcolo del danno differenziale per voci distinte ed omogenee

    Mercoledì, 22 Maggio 2019

    Nel caso di infortuni sul lavoro avvenuti prima del 1° gennaio 2019, dall’ammontare complessivo della rendita INAIL non può essere detratta la quota che indennizza il danno di tipo patrimoniale, poiché in questi casi non si applica la disciplina introdotta dalla legge di bilancio 2019 ma si segue il criterio del danno differenziale per voci distinte ed omogenee.
  5. Ai crediti contributivi vantati da Cassa Forense si applica il termine di prescrizione quinquennale

    Mercoledì, 22 Maggio 2019

    Le pretese creditorie vantate dalla Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza Forense nei confronti degli avvocati iscritti all’Albo soggiacciono al termine di prescrizione quinquennale previsto dalla l. n. 355/1995.